Certificazioni tessili: come leggere le etichette

Certificazioni tessili: come leggere le etichette

Gennaio 28, 2020

Oggi vi parleremo dell'aspetto più importante della moda sostenibile: le certificazioni tessili. Daremo risposta alle domande più frequenti, ma se dopo aver letto l'articolo aveste ancora dei dubbi, vi preghiamo di contattarci , saremo davvero felici di rispondere alle vostre curiosità.

Cosa sono le certificazioni tessili?

Come abbiamo detto, le certificazioni tessili sono l'aspetto più importante quando si parla di moda sostenibile. Ma cosa sono esattamente?

Possiamo definirle come "etichette che definiscono un prodotto ecologico", oppure, "un prodotto socialmente etico" o ancora, "un prodotto cruelty free".

È bene sapere che le certificazioni tessilivengono richieste dalle aziende. Quindi, l'azienda agricola che coltiva il cotone, oppure l'azienda tessile che produce t-shirt, sono liberi di contattare gli enti di controllo preposti (solitamente enti privati, ma anche associazioni).

A grandi linee: ognuno di questi enti di controllo ha degli standard, delle regole, provvederà quindi a far visita all'azienda per spiegare, e far sì che l'azienda segua alcuni standard durante la produzione.

I controlli effettuati variano in base alla certificazione da attribuire, può trattarsi di una semplice auto-certificazione, dove l'azienda "dichiara di rispettare gli standard richiesti", ma potrebbe essere anche molto più complessa, ad esempio, richiedere delle analisi in laboratorio dei prodotti.

Adesso, immaginate la filiera tessile come una serie di gradini: dal fiocco al filato, dal filato al tessuto, dal tessuto al vestito, passando per sgranatura, lavaggio, filatura, torcitura, tessitura, immagliatura, trattamenti, tintura, stampa, finissaggio.

Ognuno di questi passaggi ha il proprio impatto ambientale e sociale e possono essere effettuati da decine di aziende differenti.

Ecco perché, nella maggior parte dei casi, le certificazioni tessili vengono applicate alla materia prima, essendo questo il primo gradino della scala: la coltivazione in caso si tratti di una fibra naturale, la realizzazione in laboratorio in caso si tratti di fibre artificiali o sintetiche.

Ad esempio, al cotone biologico viene applicata l'etichetta Global Organic Textile Standard , oppure <strong>Organic Content Standard</strong> ed entrambe garantiscono che il cotone sia stato coltivato seguendo gli standard dell'agricoltura biologica.

Questo vuol dire che NON possiamo applicare queste etichette ad un qualsiasi cotone. Quindi, le aziende che producono t-shirt in Italia devono per forza acquistare il cotone biologico già certificato. In questo caso, la t-shirt eredita dal cotone l'appellativo di "abbigliamento biologico".

Le certificazioni tessili definiscono quindi i tessuti ecologici.

In altri casi, le <strong>certificazioni tessili</strong> vengono richieste dalle aziende che si occupano di produrre capi di abbigliamento o prodotti di moda in generale. Ad esempio, la certificazione Oeko-Tex Standard 100 (garante di sostanze chimiche meno dannose per l'ambiente) viene richiesta dalle aziende che si occupano di trattare il cotone.</p> <p>Quindi, da chi realizza la t-shirt oppure da chi si occupa della tintura o della grafica da stampare.</p>

Devi anche tenere presente che la certificazione è un servizio a pagamento, quindi il tuo artigiano locale o il piccolo produttore responsabile che utilizza tessuti certificati, ma non ha le risorse per certificare l'intero processo di produzione potrebbe essere anche la tua migliore scelta sostenibile. 

 

Quali sono le certificazioni tessili?

Per facilitarne la comprensione dividiamo le certificazioni tessili in 3 gruppi principali. Il primo dedicato all'ambiente, in cui rientrano anche quelle biologiche. Il secondo dedicato all'aspetto sociale della produzione. Il terzo dedicato al mondo animale.

Ambientali

Sono quelle certificazioni che garantiscono una produzione a ridotto impatto ambientale, ma attenzione: "ridotto impatto ambientale" non vuol dire "impatto XNUMX", poiché al momento non esiste alcuna certificazione che possa garantire una produzione senza impatto sull'ambiente.

  • Oeko-Tex
  • Global Organic Textile Standard
  • Organic Content Standard
  • Standard di riciclaggio globale
  • Bluesign

Etichette certificati tessili ambientali

Social

Sono quelle certificazioni che garantiscono una produzione etica o equo-solidale. Parliamo di impatto sociale, tenendo in considerazione un serio problema della produzione tessile - legato soprattutto alla Fast Fashion (o moda low cost): lo sfruttamento di manodopera a basso costo, con tutto quello che ne consegue, come discriminazione di genere o razziale, lavoro minorile, e più in generale la totale assenza di diritti per i lavoratori.

  • Fair Trade
  • Fair Wear Foundation
  • SA8000
  • Global Organic Textile Standard (ambientale + sociale)
  • Oeko-Tex (altre versioni)

Etichette Certificazioni Tessili Sociali

Vegano

Sono quelle certificazioni che garantiscono una produzione senza sfruttamento di animali. In particolar modo l'esclusione di materiali di origine animale come pelle, pellicce, lana, seta, etc, ma anche l'assenza di test scientifici effettuati su animali.

  • Animal Free
  • FurFree
  • PETA
  • VeganoOK

Etichette certificati tessili animali

Perché le certificazioni tessili sono così importanti

Crediamo che la risposta a questa domanda sia in ogni riga di questo articolo: le certificazioni tessili sono importanti perché senza di esse non si può parlare di moda sostenibile.

Inseriamo comunque qualche eccezione a tal proposito, e riguarda la Slow Fashion: produzione artigianale a chilometri XNUMX e produzione artigianale che utilizza materiali riciclati. 

Vi piacerebbe quindi acquistare prodotti etici ed ecologici? Slow Nature è il posto giusto, poiché propone un esclusivo e-commerce di moda sostenibile.


or



Lascia un commento

I commenti saranno approvati prima della pubblicazione.


Anche in tessuti e certificazioni

TESSUTI ECOLOGICI: COSA SONO E PERCHÉ DOVREMMO SCEGLIERLI
TESSUTI ECOLOGICI: COSA SONO E PERCHÉ DOVREMMO SCEGLIERLI

Gennaio 28, 2020

Oggi vi parleremo di un aspetto fondamentale della moda sostenibile: i tessuti ecologici.

Continua a leggere...